Pages Menu
TwitterRssFacebookPinterestGoogle Plus
Categories Menu

Posted on Mag 18, 2013 in Bergamo | 1 comment

Bergamo Bassa: un tour nel cuore pulsante della metropoli lombarda

Bergamo Bassa: un tour nel cuore pulsante della metropoli lombarda

Il centro di Bergamo bassa, cuore pulsante della vita commerciale della città, è stato progettato da Marcello Piacentini. Si estende nell’area dell’antica fiera di San Alessandro e si snoda a partire dal cosiddetto Sentierone: un luminoso viale alberato fiancheggiato da portici e pavimentato in pietra, luogo del passeggio cittadino. Di fronte al Sentierone, il Teatro Donizetti, uno dei teatri italiani più affascinanti. Prima di cominciare la passeggiata lungo Via XX Settembre, il centro dello shopping, è consigliabile fare un salto alla vicina Via Torquato Tasso, che inizia dopo la Chiesa di San Bartolomeo, rinomata per la Pala Martinengo, opera del 1516 di Lorenzo Lotto. Al termine di Via Tasso si apre Piazzetta Santo Spirito. La Chiesa di Santo Spirito, nell’omonima piazzetta, presenta ai lati dell’unica navata dieci cappelle, parecchie delle quali custodiscono opere d’arte di notevole pregio, come un polittico del Bergognone e una tela di Lorenzo Lotto. Si può partire proprio da Piazzetta Santo Spirito per salire lungo la ripida via Pignolo caratterizzata da palazzi gentilizi, simbolo della potenza della ricca borghesia di mercanti e di nobili bergamaschi che dal Quattrocento vi stabilirono la propria dimora. Merita una...

Read More

Posted on Mag 18, 2013 in Bergamo | 0 comments

Cose da vedere a Bergamo: piccola città, ma ricca di fascino

Cose da vedere a Bergamo: piccola città, ma ricca di fascino

Chi pensa alle cose da vedere a Bergamo, di solito ha in testa Città Alta, la più conosciuta, dove si affastellano storia, arte, fascino e una buona dose di romanticismo. Eppure, lasciateci spezzare una lancia in favore di Città Bassa, che fa sempre la figura della sorella minore, ma che minore non è, poichè è altrettanto meritevole di attenzione e ricca di monumenti e luoghi di grande interesse. In particolare c’è una zona nel centro attuale che porta con sé un sapore da fotografia in bianco e nero, tipo Parigi della Belle Epoque, una zona che non va affatto dimenticata. Non si tratta solo di immaginazione, esistono infatti scatti antichissimi dove si scorge qualche carrozza parcheggiata qua e là e il venditore di giornali. La strada immortalata dalla macchina fotografica ha un nome celebre: il Sentierone. Si tratta di un viale alberato realizzato nel 1620 sul quale si affacciano numerosi edifici di interesse e che, tra l’altro, conduce alle vie principali dello shopping. All’inizio di questo viale sorge la...

Read More

Posted on Mag 18, 2013 in Borghi, Parma | 1 comment

Terre verdiane: Parma e le altre cittadine del melodramma

Terre verdiane: Parma e le altre cittadine del melodramma

Le zone in cui è nato, cresciuto e hanno visto sbocciare il talento di Giuseppe Verdi – Roncole di Busseto, Busseto e Parma – possiedono un’anima ricca di canto e melodia. È una sorta di dolce veleno che qualcuno attribuisce alla nebbia e alla terra e che colpisce e appassiona la gente di queste parti, che fa sì che in certe trattorie, ancora oggi, si mangi e si beva cantando le arie di Verdi o che si formino circoli come il Club dei 27, nato in un bar nel lontano ‘58, dove si discuteva animatamente di lirica, e il cui nome si deve al numero di opere scritte dal compositore. Verdi nacque nella casa-osteria del padre, attività che accompagnava al lavoro nei campi. Una leggenda racconta che proprio mentre la madre lo metteva la mondo, al piano di sotto, stava suonando e cantando un gruppo di saltimbanchi. Da qui l’impronta che avrebbe segnato la sua esistenza. Molti di coloro che visitano la casa natale rimangono colpiti dalla semplicità della...

Read More

Posted on Mag 16, 2013 in Bergamo | 0 comments

Week-end a Bergamo tra relax, cultura e gastronomia

Week-end a Bergamo tra relax, cultura e gastronomia

Ci sono tanti buoni motivi per trascorrere un week-end a Bergamo tra relax, cultura e gastronomia, andando alla scoperta di questa splendida città arroccata sui colli. Irrinunciabile una passeggiata per le stradine di Città Alta. Camminate per il puro piacere di scoprire una scenografia urbana costruita in tanti secoli e che, pur nella diversità di stili, volumi e prospettive, mantiene un’armonia inaspettata. Al centro di questo insieme composito si trova Piazza Vecchia, cuore della città e definita dal grande architetto Le Corbusier “la più bella piazza d’Europa“, nel quale sorge la settecentesca Fontana del Contarini, intorno alla quale si elevano la Biblioteca Civica, il Palazzo della Ragione, il Palazzo del Podestà e la Torre Civica, chiamata “il Campanone”.  Oltre il porticato del Palazzo della Ragione, si passa in Piazza Duomo, con la chiesa di Sant’Alessandro, la Basilica di Santa Maria Maggiore, il Battistero e la celebre Cappella Colleoni. Basterà allontanarsi di qualche passo da Piazza Vecchia per ammirare i meravigliosi affreschi di Lorenzo Lotto nella chiesa di San Michele al Pozzo...

Read More

Posted on Mag 15, 2013 in Bergamo | 3 comments

Come arrivare a Bergamo Alta passeggiando tra viuzze e scalette

Come arrivare a Bergamo Alta passeggiando tra viuzze e scalette

Se la giornata è soleggiata e la temperatura è primaverile, vale la pena fare una passeggiata e raggiungere Città Alta a piedi. Ma, come arrivare a Bergamo Alta passeggiando? Ci sono numerose strade e scalette che partono da Città Bassa e arrivano fino al cuore del borgo medievale. Sono in ciottolato e porfido, eccetto quella che costeggia le Mura Venete che è asfaltata. Come è ovvio sono tutte in salita, ma non sono troppo impegnative e l’impressione che si ricava mentre le si percorre è di essere finiti agli inizi del XX secolo, in un paese agricolo. Proprio alla partenza della funicolare di Viale Vittorio Emanuele II, ad esempio, iniziano i gradini di quella che è chiamata Via della scaletta, una vecchia mulattiera che porta sino a Porta San Giacomo, uno dei quattro varchi che attraversano le Mura Venete. Per arrivare dritti al centro di Città Alta, nella zona attorno a Piazza Vecchia, si possono imboccare diverse viuzze che si snodano tra le antiche case e ville del borgo....

Read More

Posted on Mag 14, 2013 in Bergamo | 2 comments

Wifi Bergamo: una buona notizia per chi ama unire tecnologia, arte e viaggio

Wifi Bergamo: una buona notizia per chi ama unire tecnologia, arte e viaggio

Bergamo è una città discreta, lontana dai luoghi del turismo di massa, da scoprire poco a poco, per una visita tranquilla, fatta di emozioni piccole eppure entusiasmanti. La vicinanza con l’aeroporto di Orio al Serio dove fanno scalo le maggiori compagnie low-cost, la rende una meta facile da raggiungere per passare un bel fine settimana. Sospesa tra la Pianura Padana e le alture delle Prealpi Orobie, proprio al centro della regione dei laghi, offre piacevoli panorami e numerose possibilità di scampagnate. Da qualche anno per agevolare turisti e cittadini è stata attivata Wifi Bergamo. Una rete che offre la possibilità di navigare liberamente da smartphone, computer o tablet in alcune zone della città. Per usufruire del servizio è necessario iscriversi all’interno del portale www.bergamowifi.it. Una volta completata la procedura di iscrizione, si otterrà la password di accesso per navigare senza limiti. In Città Alta vicino a Piazza Vecchia, Piazza Mercato delle Scarpe, il Chiostro di San Francesco, oltre ai capolavori artistici sarà possibile usufruire di alcune delle “oasi wi-fi”. Fra...

Read More

Posted on Mag 13, 2013 in Bergamo | 1 comment

Bergamo Card: una tessera per godersi la città in modo semplice e conveniente

Bergamo Card: una tessera per godersi la città in modo semplice e conveniente

“Rimasi lì incantato; era un lembo dell’Italia più bella, una delle molte piccole sorprese di godimento per cui vale la pena di viaggiare”. Così scriveva Herman Hesse a proposito di Bergamo, in un suo diario di viaggio pubblicato nel 1926 col titolo di Bilderbuch. Bergamo è una delle città d’arte più importanti della Lombardia, impossibile sfuggire al suo fascino sospeso. La città non è grande e la maggior parte dei luoghi e dei monumenti possono essere visitati a piedi. Bergamo è celebre per essere divisa in due parti: quella Alta, che costituisce il borgo antico e che è racchiusa dalle possenti Mura Venete e quella Bassa, più moderna e nascosta, ma capace di offrire scorci, monumenti e musei di notevole fascino. Per muoversi in città fra monumenti e musei, per usare i mezzi pubblici in modo sereno e per beneficiare di sconti in locali convenzionati esiste la Bergamo Card, una tessera che dura da uno a tre giorni e che permette di godersi la città in modo più semplice,...

Read More

Posted on Mag 10, 2013 in Bergamo | 3 comments

Nel verde delle colline di Bergamo: il Castello di San Vigilio

Nel verde delle colline di Bergamo: il Castello di San Vigilio

Per chi non lo sapesse, incastonato tra i colli che circondano Bergamo si trova un antico castello, chiamato Castello di San Vigilio. Situato sulla cima del colle a quasi 500 metri d’altezza, domina tutto il territorio che ha attorno, uno scorcio della Val Brembana e offre una grande visuale della catena delle Alpi Orobie. Fu costruito per ovvi motivi di difesa e d’avvistamento. La prima fortificazione risale al VI secolo e nel IX secolo alcuni ecclesiastici vi costruirono una piccola cappella intitolata a Santa Maria Maddalena. Successivamente, nel 1166, il comune di Bergamo decise di costruire in quella posizione una fortezza che nel 1335 venne ulteriormente ampliata dai Visconti di Milano. Sotto il dominio della Repubblica di Venezia, nel XV secolo, il castello assunse la forma e le dimensioni che ha tuttora e, grazie anche alla costruzione delle ancora presenti Mura Venete, divenne una vera e propria fortezza. Vennero persino scavati tunnel e cunicoli che mettevano in comunicazione le Mura con il castello. Oggi alcuni dei pochi sotterranei rimasti...

Read More

Posted on Apr 8, 2013 in Arezzo | 1 comment

Arte e cinema: Arezzo e i luoghi de “La vita e bella”

Arte e cinema: Arezzo e i luoghi de “La vita e bella”

Una campagna verdeggiante e una macchina che corre su una strada sterrata, ecco come comincia il film “La vita è bella” di Roberto Benigni, vincitore di tre premi Oscar nel 1997. Uno dei luoghi in cui il film è stato girato è Arezzo, una città posta nel cuore della Toscana che merita attenzione per svariate ragioni. La città sorse in epoca pre-etrusca e, grazie alla posizione geografica favorevole, cuore dell’incontro tra Valdarno, Valdichiana e Casentino, è sempre stata un punto di riferimento del centro Italia. La parte vecchia si sviluppa su un pendio ed ancora oggi è delimitata da una bella cinta di mura venute su durante la dominazione medicea. Ne “La vita è bella” il primo passo all’interno di Arezzo lo si compie proprio nel cuore del centro storico: Piazza Grande, dove si affacciano alcuni degli edifici più importanti come Palazzo della Fraternita dei Laici e la parte posteriore della Chiesa di Santa Maria della Pieve. È qui che il protagonista del film stende un’interminabile tappeto rosso perché...

Read More

Posted on Mar 31, 2013 in Bergamo | 0 comments

Guida di Bergamo: i luoghi da non perdere

Guida di Bergamo: i luoghi da non perdere

E’ una delle città di maggiore fascino d’Italia: Ecco una Guida di Bergamo Tappa 1: Piazza Vecchia E’ il luogo da dove partire per decifrare la storia millenaria della città. Il centro attorno al quale ruota il resto della vita del borgo. Da lì partono vie, piazze, palazzi, edifici sacri, architetture civili e militari di notevole interesse, che raccontano di numerose storie utili a entrare in sintonia con Bergamo e ad assaporarne il carattere. Per cominciare mettetevi al centro della Piazza, accanto alla Fontana Contarini con i leoni, i serpenti e le sfingi che sputano acqua. Circumnavigatela, osservando i palazzi che affacciano sull’antico rettangolo e godetevi lo spettacolo. A sud scoverete Palazzo della Ragione con il bianco Leone di San Marco al centro, alla sua destra, Palazzo del Podestà. Proseguendo in senso orario vi imbatterete nella Biblioteca Angelo Mai, con la facciata di marmo bianco e, per finire, sul lato orientale, scoprirete alcuni palazzi con resti di affreschi e un passaggio che conduceva alla canonica, il luogo dove risiedeva il...

Read More

Posted on Mar 29, 2013 in Bergamo | 0 comments

Accademia Carrara di Bergamo, come vi piacerebbe venisse allestita?

Accademia Carrara di Bergamo, come vi piacerebbe venisse allestita?

Qualche giorno fa è giunta la notizia che i lavori di restauro edilizio dell’Accademia Carrara di Bergamo sono pressoché finiti. Al di là dei problemi finanziari e gestionali che ancora sembrano bloccare il passaggio all’effettivo allestimento del Museo, la domanda che ci poniamo e vi vogliamo porre è: in che modo, con quali tecnologie, con che genere di servizi e con quale approccio vi piacerebbe fosse allestita la Nuova Accademia Carrara? Per quanto complesso e diversificato, ogni buon progetto di allestimento deve partire da un orientamento iniziale su cui fondare tutte le successive scelte. Quindi: a) Come vi piacerebbe essere accolti? b) Vi piacerebbe che il museo garantisse una sorta di sala “limbo”, pensata per scrollare di dosso il “fuori” per prepararsi all’esperienza del “dentro”. c) Che tipo di pannelli vorreste e quanto materiale informativo dovrebbero contenere? d) Vorreste delle audioguide classiche o dei dispositi più aggiornati e interattivi che possano essere fruiti su tablet e smartphone? e) Che tipo di visiste guidate vorreste venissero proposte? f) Quante aree...

Read More

Posted on Mar 25, 2013 in Bergamo | 2 comments

Aeroporto di Orio al Serio: un punto di partenza per infinite mete

Aeroporto di Orio al Serio: un punto di partenza per infinite mete

Molti di coloro che atterrano all’ Aeroporto di Orio al Serio si chiedono cosa sia l’agglomerato urbano con torri, campanili e mura possenti che si staglia all’orizzonte. La risposta potrebbe essere scontata, ma non lo è: Bergamo. La città orobica ha visto crescere il numero di persone “stupite” di tanto fascino con l’aumentare del numero di passeggeri del vicino aeroporto. È stata la presenza di compagnie che offrono voli economici a renderlo uno scalo sempre più frequentato. Chi ci atterra lo fa per raggiungere Milano o Verona e Venezia, ma data la vicinanza alla città, sono sempre più numerosi quelli che approfittano di qualche ora o di uno o più giorni per visitare Bergamo. E non gli si può dare torto, anzi. In ogni caso dall’Aeroporto è possibile scegliere una serie di opzioni per muoversi in città o per raggiungere altre città più o meno distanti. Noleggiare un veicolo può rendere il modo di spostarsi più flessibile. Ci sono molte grandi aziende di autonoleggio che operano in aeroporto e...

Read More

Posted on Mar 21, 2013 in Bergamo, Mostre | 1 comment

Pop art: una mostra alla Gamec di Bergamo

Pop art: una mostra alla Gamec di Bergamo

Capire l’arte diciamolo, a volte, è un po’ complicato. Prendiamo la Pop Art, ad esempio, che ha preso ispirazione dagli oggetti di uso quotidiano e dalle immagini prodotte dai mezzi di comunicazione. Il movimento nasce a Londra nei primi anni 50 e raggiunge la massima diffusione negli Stati Uniti, divenendo una delle più influenti correnti del panorama artistico internazionale. Il collage dell’inglese Richard Hamilton, realizzato nel ’56 e intitolato “Che cosa esattamente rende le case moderne così diverse, così attraenti?”, è considerato la prima opera pop. Ad Hamilton vanno ad affiancarsi artisti come David Hockney e Peter Blake. Anche se diversi per formazione e poetica, il loro intento è quello di reinterpretare i prodotti di consumo attraverso tecniche differenti, capaci di garantire libertà ed eclettismo creativi. Oltreoceano i loro seguaci statunitensi prendono ispirazione dal cinema e dalla TV, dai fumetti e dalla pubblicità. Ma sono soprattutto gli oggetti quotidiani che, isolati e decontestualizzati, diventano il nucleo delle loro opere. Così facendo gli artisti pop celebrano e allo stesso tempo...

Read More

Posted on Mar 19, 2013 in Bergamo, Borghi, Città | 1 comment

Villaggio Crespi d’Adda: un gioiello patrimonio dell’Unesco

Villaggio Crespi d’Adda: un gioiello patrimonio dell’Unesco

Un rumore basso che emerge dalla nebbia, un calpestio ininterrotto, passi che si muovono all’unisono, poi, alla fine della discesa, la foschia si dirada e nell’aria ripulita compaiono uomini e donne, soprattutto donne, i visi da film neorealista. Indossano quasi tutte grembiuli e zoccoli, anche se è pieno inverno ed è umido e fa un freddo cane. Procedono lungo la strada principale e si dirigono all’ingresso della fabbrica, passano il cancello in ferro battuto, transitano sotto la ciminiera dove campeggia un orologio enorme e spariscono dentro i reparti di filatura. È così che ci si può immaginare la scena, oggi, seduti al tavolino dell’unico bar aperto. È il 2013, ma potrebbe essere tranquillamente il 1920, a Crespi, un villaggio operaio inaugurato nel 1878, terminato più o meno alla fine degli anni venti, e rimasto immutato fino a oggi, un esempio così perfetto di archeologia industriale che, nel 1995, l’UNESCO ha deciso di inserirlo nella lista dei siti patrimonio dell’umanità. La famiglia Crespi era originaria di Busto Arsizio e operava...

Read More

Posted on Mar 14, 2013 in Bergamo | 2 comments

Città Alta e Città Bassa: i segreti di Bergamo

Città Alta e Città Bassa: i segreti di Bergamo

Cosa ci fa una lunga barra di ferro, con svariate unità di misura, incastonata di fianco al portone di una cattedrale? Perché la campana della torre medievale più importante suona cento colpi tutte le sere alle dieci? Quesiti, a volte piccoli, a volte grandi, che restituiscono il cuore più intimo di un luogo o di una città intera. Che tipo di domande stimola Bergamo a chi si aggira per la prima volta fra le sue strade, sul selciato delle numerose piazzette irregolari, all’ombra di chiostri e porticati? A tutti i bergamaschi è capitato, una volta nella vita, di rispondere alla domanda: “Di sopra o di sotto?” Di solito, chi la pone, lo fa imitando il dialetto locale, una lingua ostica anche per gli autoctoni, ottenendo perlopiù una frase oscura, a metà tra il comico e l’incomprensibile. La domanda scatta automatica fuori dai confini cittadini poiché tutti sanno che Bergamo è composta da due città in una, una Alta o Vecchia e una Città Bassa o Moderna. La parte alta,...

Read More

Posted on Feb 12, 2013 in Bergamo | 0 comments

Bergamo di sopra o di sotto? Scoprilo con SmarTrippin

Bergamo di sopra o di sotto? Scoprilo con SmarTrippin

A tutti i bergamaschi è capitato, una volta nella vita, di rispondere alla domanda: “Bergamo di sopra o di sotto?” Di solito, chi la pone, lo fa imitando il dialetto locale, una lingua ostica anche per gli autoctoni, ottenendo perlopiù una frase oscura, a metà tra il comico e l’incomprensibile. La domanda scatta automatica fuori dai confini cittadini poiché tutti sanno che Bergamo è composta da due città in una, una Alta o Vecchia e una Bassa o Moderna. La parte alta, appoggiata ai colli, è stata il nucleo da cui s’è sprigionato il resto dell’abitato, il big bang urbanistico che ha dato il via a tutto. La zona bassa è apparsa dopo, non molto, a dire il vero, e ha costituito fin da subito il cuore più introverso di Bergamo. Le due parti sono sempre state unite a doppio filo, la prima saldata al potere e alla sua esibizione, l’altra al fare e al lavoro. La separazione è così netta da essere percepibile a chilometri di distanza. Sono...

Read More