Pages Menu
TwitterRssFacebookPinterestGoogle Plus
Categories Menu

Posted on mar 24, 2013 in Mostre | 0 comments

Mirò: l’arte tra mistero e sogno

Mirò: l’arte tra mistero e sogno

Joan Miró è un pittore spagnolo di inizi ’900. Le sue prime opere si caratterizzano per l’utilizzo di grandi macchie di colore e per la semplificazione geometrica delle forme. Nel 1920 visita per la prima volta Parigi. Il contatto con le avanguardie lo porta a concepire una nuova estetica. Prende oggetti o elementi naturali dai loro contesti usuali e li riassembla seguendo una grammatica misteriosa e onirica.

Nella capitale francese aderisce al surrealismo, una corrente che aspira a esprimere sogni e inconscio senza seguire né la logica, né l’estetica tradizionale. La sua pittura si fa più astratta e le tele si riempiono di segni, linee, simboli. L’utilizzo di colori elementari concorre a dare all’insieme un carattere fantastico e fuori dal tempo.

Col passare degli anni i quadri dell’artista catalano perdono sempre più il contatto col mondo reale. In spazi vuoti, dominati da ampie superfici di vernice dello stesso colore, fanno capolino presenze esili e indecifrabili, ammassi senza forma che ricordano elementi biologici. Lo scoppio della guerra civile spagnola cambia umore e tonalità alle sue tele. Le figure subiscono una deformazione drammatica e fortemente espressionista.

Alla vigilia del Secondo conflitto mondiale Miró si trasferisce in Normandia. Qui inizia la famosa serie di guazzi Costellazioni, in cui celebra i misteri del cosmo attraverso atmosfere gioiose e ricche si rimandi simbolici.

L’artista si dedica alla ceramica fin dai primi anni della carriera, ma questa tecnica trova la sua apoteosi nel ’58 con la grande decorazione murale per il Palazzo dell’UNESCO di Parigi.

Lo sguardo surreale, l’approccio fiabesco, il continuo riferimento alle misteriose forze dell’inconscio e della memoria lo rendono un artista anomalo, impossibile da incasellare in un’unica corrente artistica.

A Palazzo Ducale di Genova è in corso una retrospettiva intitolata “Mirò, poesia e luce”. Un’occasione per ammirare 80 opere, tra cui 50 olii di sorprendente bellezza e di grande formato, terrecotte, bronzi e acquerelli.

Be Sociable, Share!

Post a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

COOKIE
I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio in base alle finalità descritte. I Cookie utilizzati appartengono alle seguenti sottocategorie:

Cookie di sessione
Il cookie di sessione archivia e recupera valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l'ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l'utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.

Cookie analitici di terzi, Google Analytics con IP anonimizzato (Google Inc.)
permettono di acquisire informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?
In aggiunta a quanto indicato in questo documento, è possibile gestire le preferenze relative ai Cookie tramite le impostazioni del proprio browser.
E' importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso.
Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti link:
Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari e Microsoft Windows Explorer.

Chiudi