Pages Menu
TwitterRssFacebookPinterestGoogle Plus
Categories Menu

Posted on Lug 24, 2013 in Montagna | 0 comments

Santuario di San Romedio: un eremitaggio tra roccia e aria

Santuario di San Romedio: un eremitaggio tra roccia e aria

Se diciamo Val di Non, le immagini che subito affiorano alla mente sono montagne, pascoli verdi, cieli puri, mele strepitose e la vita genuina che ancora si può trovare in montagna. Questi elementi fanno da cornice a un edificio affascinante, misterioso, che si trova nella parte nord-ovest del Trentino, in una località chiamata Coredo – il Santuario di San Romedio.
Arrivando a piedi il luogo appare imperscrutabile, infatti vi si accede a piedi attraverso il sentiero delle forre di San Romedio, un cammino scavato nella roccia a picco sul canyon. Il tratto, costruito sulla basamento di un ex acquedotto, appare a tratti molto angusto a causa del basso soffitto di roccia, ma è sicuro e protetto da parapetti. E da qui la vista della stretta valle è davvero suggestiva.
Alla fine di questo ardito percorso si rimane a bocca aperta davanti al Santuario che si eleva su una roccia calcarea alta quasi 100 metri e che da quello sperone sembra dominare uomo e natura.
La storia del Santuario ha origine in quella del santo da cui prende il nome. Nel IV secolo Romedio era membro di una ricca famiglia bavarese-tirolese, proprietaria di alcune ricchezze nella zona di Innsbruck. Dopo un pellegrinaggio a Roma con alcuni amici, decise al suo ritorno di donare ogni suo avere alla Chiesa e di ritirarsi con alcuni seguaci in un luogo isolato per dedicare la sua vita a Dio. Così trovò in Val di Non, tra le rocce scavate da due torrenti, l’ambiente ideale per vivere in completa austerità e di fatto iniziando un percorso di eremitismo. Alla sua morte venne seppellito in cima alla roccia e più tardi, attorno all’anno 1000, in quel luogo fu edificata la prima delle cinque chiesette di cui è composto l’intero Santuario.
Alla prima furono aggiunte la chiesetta di San Romedio, quella del Santissimo, costruita dai vescovi Thun, la chiesetta di San Giorgio e dell’Addolorata. All’edificio Sacro più vecchio, situato più in alto, si accede attraverso un portale chiamato di Aricarda. La costruzione ospita ancora oggi le reliquie del santo ed è meta di pellegrinaggi. Nei pressi della chiesetta di San Romedio, invece, è presente una grata da cui si può vedere la grotta in cui abitavano i primi eremiti e le cui pareti ospitano affreschi del Seicento. L’esterno è austero, semplice, con pareti in intonaco chiaro e tetti scuri a punta. Per visitare tutti gli edifici, si sale una lunga scalinata a cui si accede passando da un portone sorvegliato dalla statua del Santo e da quella di un orso. Il motivo della presenza dell’animale è dovuta alla leggenda associata a Romedio. Si racconta infatti che volendo andare a far visita al vescovo di Trento chiese che gli venisse portato un cavallo, ma proprio mentre lo conducevano da lui, l’animale fu aggredito da un orso. Romedio rese l’orso docile e raggiunse Trento sulla sua groppa.
Dopo una visita al complesso, è possibile seguire un sentiero che porta al vecchio cimitero da cui si ha una notevole vista su valle e Santuario. Oppure, se si hanno tempo e voglia di camminare, si può seguire un altro itinerario e raggiungere il lago di Santa Giustina.

Orario apertura Santuario:
da ottobre ad aprile: 9.00 – 17.00
da maggio a giugno, e mese di settembre: 8.30 – 18.00
da luglio ad agosto: 8.00 – 19.00

Dal 19 luglio al 8 settembre 2013 sarà attivo il servizio di bus navetta per la tratta Sanzeno (Parcheggio Ristorante Mulino) – Santuario di San Romedio. Orari corse: dalle 9.30 alle 18.30 (frequenza corse ogni 18-20 minuti). Costo biglietto per bus navetta (A/R): singoli € 1,50. Costo accesso per pullman: è consentito l’accesso ai pullman turistici pagando un pedaggio di € 35,00.

Attenzione! Nel periodo maggio–ottobre 2013,  causa lavori di ristrutturazione,  il Santuario sarà solo parzialmente accessibile al pubblico e le reliquie del Santo verranno momentaneamente traslate.

Per informazioni
Santuario di San Romedio tel. 0463.536198
Azienda per Il Turismo Val di Non tel.  0463.830133
info@visitvaldinon.it

faidate72890

Be Sociable, Share!

Post a Reply