Pages Menu
TwitterRssFacebookPinterestGoogle Plus
Categories Menu

Posted on lug 26, 2013 in Torino | 0 comments

Torino, Porta Palatina: Roma dove non te la aspetti

Torino, Porta Palatina: Roma dove non te la aspetti

La Porta Palatina, a Torino, è racchiusa da un giardino ideato in occasione dei XX Giochi Olimpici Invernali. In questo modo, una delle porte romane del I secolo a.C. meglio conservate al mondo, è diventata un luogo da vivere in modo piacevole e informale. La si può infatti attraversare quotidianamente per raggiungere il cuore della città, oppure tenerla come scenario di sfondo, comodamente seduti sulle panchine all’ombra degli alberi.

Ai tempi in cui Torino era la Julia Augusta Taurinorum, era la porta principalis dextera, che consentiva l’accesso da nord.

Il nome, tuttavia, è successivo all’epoca romana, e potrebbe fare riferimento alla vicinanza della porta con il Palatium, sede imperiale dei sovrani Longobardi.

La struttura è quella che si dice ad cavaedium: una doppia porta accompagnata da un cortile quadrangolare interno, detto statio.

Le torri sono alte più di 30 metri e hanno una struttura a 16 facciate.

Le statue di bronzo subito all’interno della porta rappresentano Cesare Augusto e Giulio Cesare, e sono copie posizionate in seguito all’ultimo restauro, nel  1934.

Nel XVIII secolo, l’intervento di rinnovamento urbanistico avviato da Vittorio Amedeo II ha rischiato di segnare la fine della Porta Palatina, giacché ne prevedeva lo smantellamento. Per fortuna Antonio Bertola, ingegnere e architetto, si oppose, di fatto salvando questo tesoro prezioso.

Simile sorte toccò anche ai resti del Teatro romano, rinvenuti durante i lavori di ampliamento di Palazzo Reale voluti da Umberto I nel 1899. In questo caso a opporsi fu Alfredo d’Andrade, ideatore del Borgo Medievale al Parco del Valentino, che propose un progetto di ampliamento alternativo.

Il teatro, costruito nel 13 a.C., fu eretto per dare un’aura di città a quello che fino a prima dell’avvento dei Romani era stato un villaggio.

Le rappresentazioni ebbero luogo fino al II secolo, quando il Cristianesimo le proibì.

Be Sociable, Share!

Post a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

COOKIE
I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio in base alle finalità descritte. I Cookie utilizzati appartengono alle seguenti sottocategorie:

Cookie di sessione
Il cookie di sessione archivia e recupera valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l'ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l'utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.

Cookie analitici di terzi, Google Analytics con IP anonimizzato (Google Inc.)
permettono di acquisire informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?
In aggiunta a quanto indicato in questo documento, è possibile gestire le preferenze relative ai Cookie tramite le impostazioni del proprio browser.
E' importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso.
Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti link:
Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari e Microsoft Windows Explorer.

Chiudi