Pages Menu
TwitterRssFacebookPinterestGoogle Plus
Categories Menu

Posted on set 13, 2013 in Lifestyle | 0 comments

La tradizione di un tessuto tirolese: il Loden

La tradizione di un tessuto tirolese: il Loden

Mater artium necessitas, dicevano i latini, tradotto poi come “la necessità è madre delle invenzioni”. Una frase fatta che racconta una verità, soprattutto quando si guarda al passato dove le comodità erano spesso poche e le difficoltà sempre in agguato. Quando non c’erano le capanne l’uomo ha scoperto le grotte, quando aveva fame ha iniziato a cacciare e poi a vivere di raccolto, quando ha sentito freddo ha inventato i vestiti. In Austria e in Alto Adige, dove l’inverno è pungente e le nevicate assicurate, gli uomini hanno creato il Loden.

Il loden è un tessuto di lana tipico di quello che era il Tirolo. I contadini lo filavano già a partire dal Medioevo, approfittando di una delle poche risorse che erano disponibili: le pecore.

Esattamente come succede oggi quando una star indossa un capo comune, il loden diventa Alta Moda tra l’aristocrazia austroungarica quando a indossarlo per una battuta di caccia è l’imperatore Francesco Giuseppe.

Da grezzo panno di colore grigio a raffinato tessuto rosso, bianco, nero e verde, il loden viene mischiato al cashmere per creare soprabiti, mantelle, tabarri non solo resistenti, impermeabili e caldi, ma anche morbidi, leggeri ed eleganti. Il capo più famoso è sicuramente il cappotto modello Hubertus – quello con la piega sulla schiena – che viene spesso identificato col nome del tessuto stesso.

La moda ripropone periodicamente il loden come “must have”, ma in Alto Adige le aziende che lo producono sono sempre al lavoro e la richiesta è costante, come la lavorazione tradizionale che lo caratterizza. Le aziende artigianali, tra le più famose la Oberrauch Zitt e la Moessmer, seguono il procedimento originale che parte dalla selezione della lana più delicata che viene cardata, filata e tessuta; successivamente viene eseguita la follatura (compressione e battitura) che ne determina la resistenza; a questo punto avviene la fase di fissaggio tramite tintura, garzatura, rasatura e pettinatura, rigorosamente seguendo un’unica direzione. Infine, tramite speciali essiccatoi gli viene conferita la tipica lucentezza.

L’importanza di questo tessuto è tale che l’azienda Oberrauch-Zitt ha decido di dedicargli un museo, a Vandoies in Val Pusteria, dove è possibile vedere alcune delle fasi di lavorazione del loden e conoscerne le caratteristiche in modo interattivo. Non può mancare un gregge di pecore tirolesi all’esterno, fornitrici dell’indispensabile lana.

Benché le radici del loden affondino nelle zone delle Dolomiti, anche a Sovere, in provincia di Bergamo, c’è un azienda che realizza capi realizzati in vari tessuti, tra i quali il loden, ideando una linea chiamata “Ol feder” che ripropone l’abbigliamento tradizionale adattato a uno stile moderno, utilizzando la lana delle pecore brianzole, lavorata come si faceva un tempo.

Il Loden è il simbolo di una tradizione che non è mai sparita, ma che anzi continua ad essere viva e ad avere un ruolo importante. Nel nostro secolo è stato immagine di buon gusto, ha imperato negli anni ’70, è divenuto divisa degli intellettuali universitari e capo chic da sfoggiare nelle rinomate località montane. Parafrasando Coco Chanel, non è indossando un indumento nuovo che si risulta eleganti e il Loden ne è la prova: un eleganza che arriva dal passato ed è rimasta immutata.

Be Sociable, Share!

Post a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

COOKIE
I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio in base alle finalità descritte. I Cookie utilizzati appartengono alle seguenti sottocategorie:

Cookie di sessione
Il cookie di sessione archivia e recupera valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l'ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l'utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.

Cookie analitici di terzi, Google Analytics con IP anonimizzato (Google Inc.)
permettono di acquisire informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?
In aggiunta a quanto indicato in questo documento, è possibile gestire le preferenze relative ai Cookie tramite le impostazioni del proprio browser.
E' importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso.
Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti link:
Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari e Microsoft Windows Explorer.

Chiudi