Pages Menu
TwitterRssFacebookPinterestGoogle Plus
Categories Menu

Posted on lug 15, 2013 in Borghi | 0 comments

Riviera ligure di Ponente: sapori e paesaggi d’Alassio

Riviera ligure di Ponente: sapori e paesaggi d’Alassio

Una volta presa l’uscita Albenga dell’Autostrada A10, si percorre la statale Aurelia, sorta sulle basi dell’antica via romana Julia Augusta e, dopo pochi chilometri, ci si trova in cima a un’alta scogliera a strapiombo sul mare. Una curva dopo l’altra, si scopre il golfo di Alassio con la sua cittadina ai piedi delle colline. Siamo nella riviera di Ponente, in provincia di Savona, ad Alassio.

Si ha ragione di credere che la storia della città inizi già nel primo millennio dopo Cristo con l’insediamento di alcuni abitanti delle alture, ma è nel X secolo che comincia ad esserci un’attività abitativa accertata. Nel 1540 Alassio viene governata da un podestà, mentre prima era sotto il potere civile e religioso dei Monaci Benedettini che abitavano sull’isola Gallinara, situata proprio di fronte al golfo. L’isola, vista dal Capo di Santa Croce ricorda una tartaruga, ed è una splendida riserva naturale con fondali strepitosi. È inoltre luogo di nidificazione dei gabbiani reali e conserva alcune gallerie usate per gli armamenti durante la Seconda Guerra mondiale. Oggi è privata e quindi l’accesso non è consentito.

Nel 1546 il golfo fu soggetto alla incursione dei saraceni che, dopo aver depredato il paese, imprigionarono gli abitanti per venderli come schiavi o chiederne il riscatto. Fu il comandante Berno a liberare i prigionieri, individuando le navi al largo e sconfiggendole in battaglia. Gli attacchi che saraceni rappresentavano un problema per tutte le città costiere e non sempre finirono come in questo caso. Il 27 luglio di fronte al molo di Laigueglia ha luogo una rievocazione di questo evento storico, reso suggestivo da musica e fuochi.

Nei secoli successivi Alassio passò sotto l’Impero francese comandato da Napoleone, poi cadde sotto la dominazione del Regno di Sardegna fino al 1861 quando fu aggregata al Regno d’Italia. Mantenne sempre però il suo carattere commerciale e infatti, grazie alla sua posizione, diede vita a fiorenti traffici in tutto il Mediterraneo e oltre.

È nel XIX secolo che divenne ambita meta turistica non solo per gli italiani, ma anche per molti turisti stranieri, in particolare inglesi che contribuirono al suo sviluppo e alla costruzione di alcuni edifici e giardini di grande fascino.

Ad Alassio ci sono le spiagge di sabbia, elemento raro sulla costa ligure, le colline che offrono splendide passeggiate, il mare in cui tuffarsi o anche solo da ammirare, c’è il budello – la stretta via che attraversa il centro.

Il “budello” è pieno di gente da mattina a sera. Ci si dà appuntamento al molo e poi via per le viuzze racchiuse da alti caseggiati a tre, quattro piani, dipinti con i colori dei borghi liguri e che presentano le immancabili persiane verdi alla genovese. È consigliato fermarsi alla gelateria A Cuvea per il gelato artigianale e le granite, oppure entrare nella storica pasticceria Balzola, regno dei Baci, dolce tipico composto da due semisfere alla nocciole uniti da una crema al cioccolato. Camminando nel “budello” sarà impossibile resistere al richiamo dei forni che rilasciano profumi da acquolina in bocca. Qui troverete la focaccia, liscia o con le cipolle, la pizza, pomodoro e olive, o la farinata di ceci. Per una cena tipica a base di “gasse” – un genere di pasta fresca – al pesto, frittura di pesce, coniglio alla ligure e molto altro la trattoria Matetti – in dialetto bambini – è vivamente indicata.

Partendo dal porto, suggestiva è la scaletta che si arrampica sulla scogliera e porta alla Cappella ai caduti del mare, sorta sulle rovine di un’antica torre di guardia. Camminando poi lungo la costa, all’altezza del Borgo Coscia, subito si nota il Torrione, una torre d’avvistamento saracena risalente al XVI secolo. Numerosi sono gli edifici sacri e sicuramente degna di attenzione è la Collegiata di Sant’Ambrogio, caratterizzata da un campanile in stile romano-gotico e dall’interno spiccatamente barocco.

Anche sulle colline che stanno alle spalle della città ci sono luoghi interessanti, sia per la storia sia perché immersi nella natura ricca di vegetazione tra cui spiccano il pino marittimo, le piante aromatiche e le palme.

Solva è una frazione in cui l’ultima settimana di luglio si svolge la sagra delle “biscette”, una tipica frittella con semi di finocchietto.

Il suggerimento è quello di girare Alassio a piedi, anche per poter osservare con calma e da vicino il famoso Muretto, creato per celebrare il concorso di bellezza. Il muro ospita sulla superficie una serie di piastrelle firmate da personaggi famosi dello spettacolo, dello sport, della musica e non solo.

Probabilmente una settimana di vacanze non basteranno per vivere appieno la città di Alassio.






Be Sociable, Share!

Post a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

COOKIE
I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio in base alle finalità descritte. I Cookie utilizzati appartengono alle seguenti sottocategorie:

Cookie di sessione
Il cookie di sessione archivia e recupera valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l'ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l'utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.

Cookie analitici di terzi, Google Analytics con IP anonimizzato (Google Inc.)
permettono di acquisire informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?
In aggiunta a quanto indicato in questo documento, è possibile gestire le preferenze relative ai Cookie tramite le impostazioni del proprio browser.
E' importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso.
Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti link:
Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari e Microsoft Windows Explorer.

Chiudi