Pages Menu
TwitterRssFacebookPinterestGoogle Plus
Categories Menu

Posted on lug 1, 2013 in Mostre | 0 comments

Genova e Edvard Munch: la Superba si prepara alla grande mostra d’autunno

Genova e Edvard Munch: la Superba si prepara alla grande mostra d’autunno

Alcuni artisti hanno la fortuna/sfortuna di essere identificati con una loro opera, una soltanto, che diventa iconica e che va a celare l’insieme dei lavori fatti in una carriera intera. Questa presenza ingombrante molto spesso rischia di non far venire in superficie altri aspetti importanti o, forse, i più importanti dell’artista stesso, la sua complessità. Pensate alla Monnalisa, certo straordinaria, ma che spesso ci fa dimenticare altri dipinti altrettanto notevoli di Leonardo. Pensiamo ai disegni erotici di Turner, venuti alla luce solo agli inizi del secolo, che hanno costretto molti critici a rivedere il punto di vista su colui che consideravano un grande interprete del genere paesaggistico e stop.

Edvard Munch, pittore norvegese, è fra i maggiori candidati a essere identificato con un unico quadro. Il suo celebre Urlo, sebbene sia una delle opere più potenti di tutta l’arte occidentale, ha oscurato e continua a oscurare il resto della sua produzione.

Nel 2013 si celebrano i 150 anni dalla nascita del pittore e alcune mostre, sia in Italia sia nel resto d’Europa, si prodigano per mostrare il carattere più sfaccettato della poetica di Munch. Operazione facilitata anche dal fatto che l’Urlo non si muoverà da Oslo, lasciando quindi più spazio al resto dei lavori.

In Italia l’onore di ospitare un centinaio di opere di uno di maggiori indagatori dell’interiorità e fondatore, conscio o non conscio che fosse, della corrente Espressionista è stato preso in carico dalla Liguria.

Con circa tre mesi di anticipo, la mostra che aprirà il 4 ottobre prossimo è stata presentata dalla città e dallo spazio ospitanti – Genova e Palazzo Ducale, dagli organizzatori – Arthemisia Group e 24Ore Cultura, e dal curatore, Marc Restellini, direttore della Pinacothèque de Paris.

Il percorso espositivo avrà come fine, in primis, rivelare le sfaccettature, le forza innovativa, il coraggio, l’anticonvenzionalità delle opere munchiane extra Urlo.

Certe asprezze, evidenti nei temi, nei colori, nelle linee espressive erano parte di un processo creativo che prevedeva l’esposizione delle tele agli agenti atmosferici. Munch stesso amava dipingere all’aperto, sotto neve e pioggia, a temperature proibitive e, quando terminava le opere, le sottoponeva a ciò che lui chiamava “la cura del cavallo”. Riteneva che solo dopo l’esposizione ai rigori atmosferici i suoi lavori fossero pronti per essere esposti al pubblico.

Audace nel corpo a corpo con le sue opere, ma anche nel percepire i cambiamenti apportati all’arte dalla fotografia prima e dal cinema dopo. Munch fu il primo a trasferire foto o fotogrammi di film muti all’interno dei suoi dipinti. Le sue tecniche miste lo rendono uno degli artisti più innovativi dell’epoca.

Potenti sono, oltre alle tele, le sue incisioni. In mostra ci sarà, ad esempio, Madonna, che, nel 1896, fece scandalo. Si tratta di opere che rivelano la capacità di importare in una antica e nobile arte il movimento e la cinetica infondendole una ventata di modernità sorprendente.

Le opere, un centinaio circa, vedono una buona presenza di prestiti da collezioni private. I possessori di opere di Munch rappresentano un unicum nella storia collezionistica contemporanea. Si conoscono tutti e di tanto in tanto, in una qualche località amena, si riuniscono per condividere la rapinosa passione per il pittore norvegese. Un tale attaccamento è motivo di una certa difficoltà nel separarsi dai propri Munch. A quanto pare però in questa occasione l’opera di convincimento è stata piuttosto efficace dato che il numero di opere private che giungerà a Genova sarà piuttosto consistente.

Va aggiunto che una piccola ma significativa mostra andrà a completare il percorso conoscitivo dell’artista. La mostra Warhol After Munch presenterà una serie di opere che il pittore pop per antonomasia realizzò ispirandosi al maestro norvegese. Sarà interessante vedere come il lato popolare del pittore statunitense sposa il lato più oscuro della pittura europea.

Non ci resta che attendere ottobre.

Be Sociable, Share!

Post a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

COOKIE
I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio in base alle finalità descritte. I Cookie utilizzati appartengono alle seguenti sottocategorie:

Cookie di sessione
Il cookie di sessione archivia e recupera valori per un determinato utente. Le informazioni sono archiviate lato server e solo l'ID univoco contenuto nel cookie viene condiviso tra l'utente e il server. Le informazioni memorizzate sul server restano in memoria fino alla scadenza della sessione. Il cookie stesso non contiene dati personali.

Cookie analitici di terzi, Google Analytics con IP anonimizzato (Google Inc.)
permettono di acquisire informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?
In aggiunta a quanto indicato in questo documento, è possibile gestire le preferenze relative ai Cookie tramite le impostazioni del proprio browser.
E' importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso.
Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti link:
Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari e Microsoft Windows Explorer.

Chiudi